CHIRURGIA DEL PIEDE

LA CHIRURGIA MINI-INVASIVA DEL PIEDE

chirurgia del piede

Il piede è un capolavoro unico di architettura, o meglio di biomeccanica, e se si pensa che con le sue 26 ossa, 33 articolazioni, 114 legamenti e 20 muscoli presiede alla stazione eretta, alla propulsione al movimento, all' adattamento nella marcia sul terreno e alla coordinazione della postura; ed è proprio quando vi sono alterazioni posturali che emergono disordini che potremo definire da sovraccarico. Il piede è collegato all’ arto inferiore e tramite questo al resto del corpo. Ecco perché un appoggio scorretto si ripercuote non solo sul piede, ma anche sul ginocchio e sulla colonna vertebrale, determinando delle tensioni che possono essere causa di dolori quali lombalgia, sciatalgia, dolori alle gambe, cefalea ed è per questo che si dà grande importanza alla postura .Quindi patologie del piede possono dare sintomi sia localmente che in distretti corporei superiori alterando la postura, ed alterazioni posturali possono modificare l' appoggio plantare. Importante è valutare accuratamente il piede, il suo appoggio a terra in condizioni statiche e dinamiche ed insieme ad esso valutare i distretti corporei prossimali. La chirurgia del piede al pari di altre specialità ha beneficiato negli ultimi 20 anni di innovazioni tecnologiche che hanno contribuito all' evoluzione di tecniche chirurgiche tradizionali ed hanno offerto nuove possibilità terapeutiche ed in particolare della mini-invasività. Con questo termine si intende la chirurgia artroscopica ed endoscopica, la chirurgia percutanea e quella con mini-incisioni.

ARTROSCOPIA DI CAVIGLIA E DI SOTTOASTRAGALICA

artroscopia caviglia

Tramite incisioni di 4 mm. è possibile accedere all' articolazione della caviglia con appositi strumenti e valutare lo stato di tale articolazione, possono essere effettuati interventi sul tessuto sinoviale, sulla cartilagine e sull'osso.

ROTTURA SOTTOCUTANEA DEL TENDINE D' ACHILLE

rottura tendine achille

E’ possibile suturare la rottura del tendine d' achille con tecnica percutanea, cioè tramite 3 coppie di incisioni puntiformi o nel caso di rotture ampie con una mini-incisione di 2 cm. circa e 2 coppie di incisioni puntiformi.

ENDOSCOPIA DEL PIEDE

endoscopia piede

Utilizzando l' endoscopia è possibile effettuare interventi anche fuori dalle articolazioni del piede, come al tallone per il morbo di Haglund, alla pianta del piede in caso di fascite plantare, all' avampiede per il neuroma di Morton.

ALLUCE VALGO

alluce valgo

In molti casi di alluce valgo è possibile correggere la deformità mediante un intervento che prevede una mini-incisione di meno di 1 cm, la sezione del metatarso con successiva sua correzione e stabilizzazione nella nuova posizione con un chiodo metallico che viene rimosso dopo 30-35 gg.. Nei casi più gravi si rendono necessari interventi più tradizionali.

PIEDE PIATTO DELL' ADOLESCENTE (SINDROME PRONATORIA)

piede piatto adolescente
Quando questa patologia dell' accrescimento non ha giovato dei plantari e della fisiokinesiterapia è possibile correggere questa deformità con un piccolo intervento di calcaneo-stop mediante impianto al retro piede di vite in titanio o in materiale bioriassorbibile, nei casi più gravi possono associarsi altri limitati atti chirurgici al tendine del tibiale posteriore e all’ achilleo.


Share by: